La “zona pastorale è un territorio omogeneo (nel nostro caso si indentifica esattamente con il territorio del comune di Budrio) nel quale ogni singola comunità parrocchiale e realtà pastorale (gruppo, movimento, associazione …) può trovare occasione di incontro, scambio, dialogo e crescita.

Essa nasce dall’esigenza di rinnovare le strutture e le modalità di essere Chiesa per vivere e annunciare il Vangelo di Gesù in un mondo che cambia, un mondo nel quale la realtà della parrocchia (del “campanile”) come l’abbiamo conosciuta e vissuta fino a pochi anni fa non è più adeguata.

La “zona pastorale” non vuole eliminare e sostituire le parrocchie; ogni singola comunità parrocchiale, consapevole di non poter “bastare a se stessa” ma di essere parte di un corpo più grande che è la Chiesa, inserita all’interno della “zona pastorale” si interroga sul contributo che può offrire, sul dono che può condividere con le altre comunità: la consapevolezza che il Vangelo ci consegna è che tutto ciò che viene condiviso e “spezzato” nella carità e nella fraternità cresce e rimane … tutto ciò che, invece, viene trattenuto … muore e finisce.

del territorio di Budrio

La Comunione ha Dio per padre e la chiesa per madre. Non è istituzionale, ma familiare!

Per essere cristiani non è sufficiente che qualcuno ti dica chi è Cristo, bisogna che veda Cristo in quel qualcuno.

Le sfide esistono per essere superate.

 

Fino a quando Lazzaro giace alla porta della nostra casa, non potrà esserci giustizia ne pace sociale.

Chiudi il menu

Questo sito fa uso di cookies, facendo click su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Ti invitiamo a leggere questa pagina per maggiori informazioni e per conoscere la Policy Privacy adottata: Policy Privacy e Cookies law

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi