Avvisi S.Lorenzo – 17-31 Luglio 2022

Il periodo estivo porta ad una riduzione anche delle attività parrocchiali e conseguentemente degli avvisi da far circolare,

abbiamo perciò deciso di riassumere in un solo articolo gli avvisi di tutte le prossime domeniche di luglio

Il Vangelo però non va in vacanza e l’evangelista Luca, in queste domeniche del Tempo Ordinario, ci propone pagine significative che siamo comunque invitati ad approfondire:

  • 17 luglio, XVI domenica: Gesù viene ospitato nella casa di Marta e Maria (cosa ha la priorità: l’ascolto o il servizio?)
  • 24 luglio, XVII domenica: ci insegna a pregare (Padre nostro)
  • 31 luglio, XVIII domenica: ci invita a coltivare un rapporto corretto con i beni materiali (parabola del ricco stolto)

E, come al solito, anche oggi prendiamo l’incipit al commento del primo di questi Vangeli da p. Ermes Ronchi (quelli delle prossime settimane li potete cercare direttamente su Avvenire/rubriche/ErmesRonchi)

“La casa è piena di gente, ci sono Gesù e i suoi; Maria, la giovane, seduta ai piedi dell’amico, i discepoli intorno, forse Lazzaro tra loro;

Marta, la generosa, è nella sua cucina, alimenta il fuoco, controlla le pentole, si alza, passa e ripassa davanti al gruppo a preparare la tavola, affaccendata per tutti. 

Maria seduta ascoltava Gesù. Un uomo che profuma di cielo e una donna, seduti vicinissimi.

Una scena di maestro-discepola così inconsueta per gli usi del tempo che pare quasi un miracolo. Tutti i pregiudizi sulle donne saltati in aria, rotti gli schemi …”

Continua a leggere su: https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/marta-cuore-del-servizio-maria-cuore-dell-ascolto

Di seguito trovate come al solito, oltre agli avvisi, anche i testi del Vangelo ed i relativi commenti pronunciati all’Angelus da papa Francesco.

Buone domeniche e buona estate!

17 luglio – XVI Domenica per annum

Dal Vangelo secondo Luca (10,38-42)

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Papa Francesco – Angelus del 21.7.2013

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Anche in questa domenica continua la lettura del decimo capitolo dell’evangelista Luca. Il brano di oggi è quello di Marta e Maria. Chi sono queste due donne? Marta e Maria, sorelle di Lazzaro, sono parenti e fedeli discepole del Signore, che abitavano a Betania.

San Luca le descrive in questo modo: Maria, ai piedi di Gesù, «ascoltava la sua parola», mentre Marta era impegnata in molti servizi (cfr Lc 10, 39-40).

Continua a leggere il commento di papa Francesco cliccando sul link: https://www.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2013/7/21/papa-francesco_angelus_20130721.html

24 luglio – XVII Domenica per annum

Dal Vangelo secondo Luca (11,1-13)

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: “Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione”». Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono. Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

Papa Francesco – Angelus del 24.7.2016

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Il Vangelo di questa domenica (Lc 11,1-13) si apre con la scena di Gesù che prega da solo, in disparte; quando finisce, i discepoli gli chiedono: «Signore, insegnaci a pregare» (v. 1); ed Egli risponde: «Quando pregate, dite: “Padre…”» (v. 2). Questa parola è il “segreto” della preghiera di Gesù …

Continua a leggere il commento di papa Francesco cliccando sul link:

http://w2.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2016/7/24/angelus.html

31 luglio – XVIII Domenica per annum

Dal Vangelo secondo Luca (12,13-21)

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Papa Francesco – Angelus del 4.8.2019

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Il Vangelo di oggi (cfr Lc 12, 13-21) si apre con la scena di un tale che si alza tra la folla e chiede a Gesù di dirimere una questione giuridica circa l’eredità di famiglia. Ma Egli nella risposta … esorta a rimanere lontano dalla cupidigia, cioè dall’avidità di possedere. Per distogliere i suoi ascoltatori da questa ricerca affannosa della ricchezza, Gesù racconta la parabola del ricco stolto, che crede di essere felice perché ha avuto la fortuna di una annata eccezionale e si sente sicuro per i beni accumulati.

Sarà bello che oggi voi la leggiate … È una bella parabola che ci insegna tanto …

Continua a leggere il commento di papa Francesco cliccando sul link:

http://w2.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2019/8/4/angelus.html

Calendario parrocchiale

Sabato 16 Beata Vergine Maria del Monte Carmelo
Domenica 17 luglio XVI Domenica del Tempo Ordinario

“Marta lo ospitò. Maria ha scelto la parte migliore.”

Mercoledì 20 Santa Brigida, religiosa, patrona d’Europa – Festa
Venerdì 22 Santa Maria Maddalena – Festa
Sabato 23 Sant’Apollinare, vescovo e martire
Domenica 24 luglio XVII Domenica del Tempo Ordinario “Chiedete e vi sarà dato.”
Lunedì 25 San Giacomo, apostolo – Festa
Martedì 26 Santi Gioacchino ed Anna
Venerdì 29 Santa Marta
Sabato 30 San Pier Crisologo, vescovo e dottore della Chiesa
Domenica 31 luglio XVIII Domenica del Tempo Ordinario

“Quello che hai preparato, di chi sarà?”

Lunedì 1 Sant’Alfonso Maria De’ Liguori, vescovo e dottore della Chiesa
Giovedì 4 San Domenico, presbitero – Chiesa di Bologna
Sabato 6 Trasfigurazione del Signore – Festa
Domenica 7 agosto XIX Domenica del Tempo Ordinario “Anche voi tenetevi pronti”
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: