Avvisi S.Lorenzo – 22.01.2023

Ecco il Foglietto Avvisi della Terza Domenica del Tempo Ordinario

Il Vangelo di Matteo, che ci accompagnerà in questo anno, dopo l’uscita di scena di Giovanni, la scorsa domenica lo aveva indicato come l’inviato di Dio, ci mostra Gesù, all’inizio della sua predicazione, in una “periferia” della Palestina, la Galilea, terra di molti popoli, impegnato a dare compimento all’annuncio profetico di Isaia:

Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce

ed il cui primo gesto è un invito a seguirlo rivolto a due coppie di discepoli (non si è mai chiamati da soli)

Oggi, nella Giornata della Parola, questo invito è rivolto personalmente anche a ciascuno di noi:

avremo orecchie capaci di ascoltare ed un cuore in grado di accoglierlo?

Di seguito, come al solito, ci sono tutte le informazioni relative ai vari appuntamenti fra cui:

  • l’invito a richiedere la Visita alla famiglia per le Benedizioni Pasquali
  • la concentrazione nella giornata della domenica anche del Catechismo per i ragazzi della Scuola Primaria
  • il Volantino della Domenica di Fraternità del 29.

Buona domenica

22 gennaio 2023 – III Domenica per Annum

Dal libro del profeta Isaìa (8,23-9,3)

In passato il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti. Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si esulta quando si divide la preda. Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva, la sbarra sulle sue spalle, e il bastone del suo aguzzino, come nel giorno di Mádian.

Dal Salmo 26 –    Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi (1,10-13.17)

Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire. Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo». È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo? Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.

Dal Vangelo secondo Matteo (4,12-23)

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa: «Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta». Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Papa Francesco – Angelus del 15.1.2017

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Il Vangelo di oggi (cfr Mt 4,12-23) ci presenta l’inizio della missione pubblica di Gesù. Questo avvenne in Galilea, una terra di periferia rispetto a Gerusalemme, e guardata con sospetto per la mescolanza con i pagani. Da quella regione non ci si aspettava nulla di buono e di nuovo; invece, proprio lì Gesù, che era cresciuto a Nazaret di Galilea, incomincia la sua predicazione.

Egli proclama il nucleo centrale del suo insegnamento sintetizzato nell’appello: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino» (v. 17). Questo annuncio è come un potente fascio di luce che attraversa le tenebre e fende la nebbia, ed evoca la profezia di Isaia che si legge nella notte di Natale: «Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che camminavano in terra tenebrosa una luce rifulse» (9,1). Con la venuta di Gesù, luce del mondo, Dio Padre ha mostrato all’umanità la sua vicinanza e amicizia. Esse ci sono donate gratuitamente al di là dei nostri meriti. La vicinanza di Dio e l’amicizia di Dio non sono un merito nostro: sono un dono gratuito di Dio. Noi dobbiamo custodire questo dono.

Leggi il commento completo sul link:

https://www.vatican.va/content/francesco/it/angelus/2020/documents/papa-francesco_angelus_20200126.html

Visita alle Famiglie per le Benedizioni Pasquali

Carissimi,

anche quest’anno chi lo desidera può accogliere nella propria casa la benedizione pasquale. Le visite alle famiglie inizieranno a partire da Lunedì 23 gennaio.

Chi desidera ricevere la benedizione pasquale può segnalarlo in uno dei modi seguenti:

  1. Compilare il modulo cartaceo posto in fondo alla chiesa di San Lorenzo, indicando i giorni e gli orari di preferenza
  2. Inviare una mail con le stesse informazioni a info@sanlorenzobudrio.it
  3. Telefonare dal Lunedì al Sabato dalle 9 alle 11:30 alla Segreteria Parrocchiale (tel. 051 800056)
  4. Compilare questo modulo online: https://forms.gle/mTchbcwHzQ9qrdze7

Nell’attesa di incontrarci, vi auguriamo fin da ora buona Pasqua,

la Comunità dei Servi di Maria di San Lorenzo

Calendario parrocchiale

da

Mercoledì 18

a Mercoledì 25

Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani
Venerdì 20 San Sebastiano, martire e patrono del comune di Budrio – Solennità
Sabato 21 Sant’Agnese, martire

ore 16:00 Incontro con i genitori dei bambini del Catechismo

 
Domenica

22 gennaio

III Domenica del Tempo Ordinario – Domenica della Parola

“Venne a Cafarnao perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia

ore 11:30 Battesimo di Amelia

Martedì 24 San Francesco di Sales, vescovo  
Mercoledì 25 Conversione di San Paolo – Festa
Giovedì 26 Santi Timoteo e Tito, vescovi
Sabato 28 San Tommaso d’Aquino, dottore della Chiesa
Domenica

29 gennaio

IV Domenica del Tempo Ordinario

“Beati i poveri in spirito”

ore 9:15 Il Catechismo parrocchiale riprende la Domenica

ore 17:30, parrocchia di Cento, Domenica di Fraternità (vedi avviso)

 
Martedì 31 San Giovanni Bosco, religioso
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: